Rimborsi spese a supporto dei dipendenti o amministratori parte #2

Può sembrare un argomento “scontato” ma anche questa tipologia di strumento, se utilizzato correttamente può essere di grande aiuto sia all’azienda sia al dipendente.

 

Iniziamo con il suddividere i rimborsi nelle 3 tipologie presenti:

 

  1. Rimborso analitico
  2. Rimborso chilometrico
  3. Rimborso forfettario

1) Il rimborso analitico consiste nella remunerazione delle spese sostenute dall’amministratore o dipendente. Questa tipologia di rimborso si basa esclusivamente sui documenti correlati con le spese relative alla trasferta stessa.

2) Il rimborso chilometrico invece consiste nel rimborsare i chilometri percorsi per raggiungere il luogo di destinazione della trasferta.

Il calcolo dell’importo da rimborsare si basa sui valori riportati nelle tabelle ACI.

Il valore presente in queste tabelle tiene conto non solo del costo del carburante, ma anche altri costi correlati, quali ad esempio l’assicurazione e la manutenzione del veicolo.

3) Il rimborso forfettario costituito da cifre giornaliere che sono stabilite dalla norma e dipendono dalla tipologia di trasferta. Questa tipologia di rimborso comprende esclusivamente le spese di vitto e alloggio.

Ora che conosciamo la diversa la tipologia di rimborsi che possiamo gestire, l’aspetto importante è capire come possono convivere tra di loro queste spese.

 

Iniziamo dicendo che per la stessa spesa non si può ricevere più rimborsi.

Questo significa quindi che per la stessa trasferta si potrà richiedere ad esempio il rimborso forfettario, il rimborso chilometrico e il rimborso analitico per le spese di trasporto (quali ad esempio l’Autostrada).

Questa scelta implica che non si possa applicare il rimborso analitico delle spese del vitto e dell’alloggio.

Ovviamente nel caso in cui si dovesse richiedere il rimborso analitico di vitto o alloggio, il rimborso forfettario cala di valore giornaliero.

Questo strumento può diventare molto utile in un momento di difficoltà finanziaria quale il post Covid; per rimborsare l’amministratore almeno delle spese da lui sostenute non riuscendo ad assicurare il compenso solito.

È importante però sottolineare che l’efficientamento dei soli costi non può da solo assicurare la stabilità dell’azienda e la sua crescita.
 

Ciò che invece può diventare anche uno stimolo alla crescita del singolo e quindi alla crescita dell’azienda stessa, è il flexible benefit che abbiamo visto nella prima parte.

Articolo a cura di Manuela Mariotti

Photo by Windows on Unsplash

Condividi su:
Potrebbero anche:
Vuoi essere
Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi della legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni Privacy Policy
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito! Torna su

Sondaggio tempo 1 minuto

DICCI la tua,
partecipa al sondaggio!

Come sta andando la ripresa dopo il Lockdown?
Stiamo analizzando come procede la fase 2 per la riapertura delle attività…